nella foto Rachele Sangiuliano e Iggy Foto di ZOOStyle® scattate da Paolo Chiesa

È amico di Rocco Papaleo, Edoardo Stoppa, Marky Ramone e del motociclista Nicky Haiden.

Anche lui ama le moto e gira per tutta italia nei locali più cool. Salutista, sempre in forma, ogni mattina puntuale arriva in radio. La nostra Star è Iggy… Iggy the dog, il piccolo chihuahua bianco e nero di Ringo, Dj di Virgin Radio e della sua fidanzata Rachele Sangiuliano, cronista sportiva ed ex-pallavolista.

Mentre facciamo una passeggiata al Parco Montanelli di Milano con Iggy, Rachele racconta, quello che ormai è un ménage à trois che oltre a lei coinvolge, Ringo e Iggy!

«Giocavo nel Conegliano -inizia a raccontare Rachele- e per me era un periodo particolarmente stressante, anche perché all’epoca io e Ringo non vivevamo insieme e ci vedevamo poco, così un giorno lui è arrivato con un pacchetto dicendomi ‘Ho fatto la spesa’ e dentro c’era Iggy, piccolissimo. Da quel momento è stato sempre con me, o almeno tutto il tempo possibile. Dormiva dentro il borsone che usavo per l’allenamento, sempre supercoccolato e sempre in compagnia di donne… E qui arriva il bello! Ringo racconta che è stato addestrato ad abbaiare e a tenere lontani gli uomini, ed infatti abbaia a tutte le persone di genere maschile, ma proprio a tutti e a me va bene così! C’e’ da dire che sa essere veramente fastidioso!»

A confermare la sua fama di “scacciauomini” si dice in giro che Iggy sia dotato di una telecamera/spia con la quale Ringo, tramite il cellulare può controllare chi è con Rachele, ma per non creare malumori evito l’indiscrezione!

Ricordo invece a Rachele di quell’estate in cui si è verificata una brutta avventura, finita poi bene, dovuta al fatto che Iggy non accetta di starle lontano.

«Eravamo stati invitati ad un matrimonio e abbiamo deciso che era meglio lasciarlo a casa con la mamma di Ringo, per evitargli troppo caos e stress.
Una volta partiti, Iggy è scappato per raggiungerci. Quindi ho dovuto lasciare il matrimonio per rientrare subito a casa. Seguendo i suggerimenti di internet, ho tappezzato la zona di manifesti e dopo due giorni l’ho ritrovato!! Era ospite di una famiglia, che fortunatamente abitava davanti ad uno dei manifesti che avevo affisso! La scena del ricongiungimento è stata strappalacrime.

A seguito di questo episodio abbiamo consultato un esperto comportamentalista per contenere questa ‘Rachele-dipendenza’ e devo dire che qualche progresso lo abbiamo fatto!”

Iggy è un cane fortunato quindi, coccolato, sempre in compagnia di qualcuno, amico delle star, ma c’è un limite oltre il quale è giusto non spingersi per rispetto della sua natura animale. Non a caso –faccio notare a Rachele- quando tu ogni mattina vai a correre per tenerti in forma, Iggy resta a casa…

«Sì! Con il tempo, abbiamo imparato a dire molti no! All’inizio lo abbiamo portato sempre con noi, pensando di fare la cosa giusta, poi man mano ci siamo accorti che c’erano dei limiti da non superare, proprio per lui. Per cui, non viene con noi ai concerti, diserta le serate rumorose così quando rientriamo a casa è più felice di vederci dopo essersi riposato alla grande!

Ho provato a farlo correre con me qualche volta ma alla fine ho dovuto dargli un antidolorifico, le sue zampette sono infatti troppo corte per correre in allenamento!
Quando mi alleno per le maratone, io corro e Ringo o mia mamma mi seguono in bicicletta, con Iggy dentro il cestino. Non c’è niente da fare però, lui ha talmente tanta voglia di stare con me che si lancia dal cestino ed anche in questo caso abbiamo deciso di lasciarlo a casa… È troppo impavido!»

E la giornata tipica della nostra star Iggy the Dog?

«Diciamo che ha due modalità: se io rimango a casa lui resta con me. Se lavoro al computer si mette sulle mie gambe e dorme russando tutto il giorno beato e felice di starmi vicino! Se invece sono impegnata e devo uscire, gli faccio fare un giro poi ci dividiamo e lui prende la strada della radio con Ringo, dove fa riunioni e sente tutto quello che in radio dicono e progettano. Poi va a pranzo dove gli preparano il petto di pollo apposta per lui. Se non lo mangia tutto, gli confezionano la Doggy Bag per la sera.

Finito il pranzo lo portano al parco e poi verso sera rientra a casa tutto soddisfatto della sua giornata lavorativa! Stanco morto si butta sul divano e dorme… fino al momento in cui io e Ringo ci avviciniamo e lui si sveglia e si mette in mezzo perché ci deve dividere a tutti i costi. È geloso di Ringo, quindi salta, abbaia, fa rumore finché ci allontaniamo, poi alle 23:30 scatta l’ora della papera…»

La papera???

«Sì, uno strazio. Una papera di gomma con cui gioca, facendo un caos inimmaginabile. Una tortura allucinante, smette solo quando Ringo lo porta a fare l’ultima passeggiata e poi si va tutti a dormire…»

Iggy come Iggy Pop?

Sì anche se c’è stato un periodo «borderline»… Iggy prima di arrivare da me è stato qualche giorno con Ringo, che aveva deciso di chiamarlo Ozzy!

Quando l’ho avuto io è diventato Iggy perchè… I primi tempi che Ringo mi corteggiava mi aveva regalato un Ipod con le canzoni di Iggy Pop ed una era «The Passenger» che ascoltavo sempre mentre rientravo dopo i primi incontri… Iggy…

(dice con il suo miglior sorriso)

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here