immagini Shutterstock

Un gatto o un cane da ufficio non solo abbasserà i livelli di stress, ma potrebbe anche aumentare la produttività.

Al giorno d’oggi, non è più un’idea così stravagante avere un animale domestico in ufficio. Secondo Marie-José Enders, che studia la relazione tra animali e umani presso la Open University in Inghilterra, gli animali domestici in ufficio possono aiutare a ridurre i livelli di cortisolo. La ricercatrice ha anche spiegato che le persone con i cani sono percepite come più amichevoli, quindi avere un animale domestico da ufficio può aiutare a migliorare i rapporti con i colleghi.
Al giorno d’oggi, sembra che non sia una tale idea stravagante avere un animale domestico in ufficio – ci sono in realtà alcuni vantaggi. Ad esempio, alcuni anni fa, la ricerca della Virginia Commonwealth University ha dimostrato che le persone sperimentano meno stress quando un cane è in giro. I ricercatori hanno prelevato campioni di saliva dai dipendenti della fabbrica e hanno esaminato la quantità di cortisolo presente nell’ormone dello stress. I risultati hanno mostrato che solo i dipendenti che avevano avuto un cane nelle loro vicinanze avevano bassi livelli di cortisolo entro la fine della giornata e una migliore produttività.
Avere animali domestici in ufficio ha anche altri bonus.
“Se il tuo capo ti sta dando del filo da torcere, un cane può rendere più facile mettere in prospettiva determinate situazioni: puoi semplicemente prendere un po’ di spazio e far camminare il cane”, ha detto Enders. “Un animale al lavoro rende le persone più motivate – a loro piace il loro lavoro di più e sperimentano meno stress”.
Un’ida che è diventata realtà anche in Italia dove Milano è all’avanguardia, dopo che la Regione, nel 2017, ha aperto i suoi uffici agli nostri amici a quattro zampe. Hanno iniziato le grandi aziende Purina e UniCredit su tutti e questa pregevole abitudine di sta diffondendo ovunque: ormai non è insolito incontrare un cane come mascotte negli uffici. Da noi Grut è ormai un educato maggiordomo che accoglie tutti i nostri ospiti con allegria.
Ma se incontrare un cane in ufficio sta diventato abituale, i gatti latitano. Sarà la loro indole indipendente a far titubare, la paura di vederli scappare fuori dalla porta o tirar fuori le unghie. Pioniere di questa nuova frontiera l’architetto Clara Lopez che convive nel suo studio a Milano con la dolce Mina, una vivacissima femmina di abissino inserita in un team di 12 colleghi umani. A parte i ‘crazy cat moments’ tipici di ogni gatto che si rispetti -corse improvvise tra le stanze dell’ufficio- e qualche accorgimento ‘tecnico’ -meglio salvare spesso i lavori che si stanno facendo, anche i più scettici l’hanno accettata e lei si è abituata al nuovo branco creando un ambiente più rilassato e produttivo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here